“Tech Fast” Regione Lombardia: pubblicato il bando attuativo

“Tech Fast” Regione Lombardia: pubblicato il bando attuativo

Domande a partire dal 05 luglio 2021

La misura si propone di intercettare progetti di sviluppo tecnologico, giunti ad un certo grado di maturità tecnico-scientifica, eventualmente abbinati ad attività di innovazione di processo, allo scopo di favorire la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle PMI lombarde, agevolandone un riposizionamento competitivo grazie al raggiungimento di un più elevato potenziale in termini di produttività ed attrattività.

Sono ammissibili all’agevolazione i progetti che comportino attività di sviluppo sperimentale e innovazione di processo, come definite all’articolo D.11 del presente bando, lettere, k) e e).

Nello specifico, sono ammissibili progetti di:

a) sviluppo sperimentale e innovazione di processo (nell’ambito dei quali possono essere ricomprese anche attività di trasformazione digitale riconducibili ad esempio alle tecnologie abilitanti previste nel Piano Nazionale Impresa 4.0 quali le advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, industrial internet of things, cloud computing, cybersecurity, big data)

oppure

b) solo sviluppo sperimentale

Ciascun progetto deve, inoltre, fare riferimento ad una delle Macro-Tematiche delle Aree di specializzazione individuate dalla “Strategia regionale di specializzazione intelligente per la ricerca e l’innovazione (S3)”:

  1. Aerospazio,
  2. Agroalimentare,
  3. Eco-industria,
  4. Industrie creative e culturali,
  5. Industria della Salute,
  6. Manifatturiero Avanzato,
  7. Mobilità sostenibile

oppure all’area trasversale di sviluppo dello Smart Cities and Communities, dettagliate nei rispettivi Programmi di Lavoro “Ricerca e Innovazione” di cui alla D.G.R. n. 2695/2019.

Le Aree di Specializzazione dovranno essere rilette in chiave dei saperi degli otto ecosistemi sottoelencati, considerando la centralità della persona e dei relativi bisogni, attorno ai quali i diversi attori della ricerca e innovazione, individuati nella Legge regionale n. 29/2016, cooperano per rispondere (nella logica di ecosistema) ai bisogni del cittadino, in coerenza con il Programma Strategico Triennale per la Ricerca, l’Innovazione e il Trasferimento Tecnologico, previsto dalla predetta Legge regionale:

  • Nutrizione
  • Salute e life science
  • Cultura e conoscenza
  • Connettività e informazione
  • Smart mobility e architecture
  • Sostenibilità
  • Sviluppo sociale
  • Manifattura avanzata

Il progetto deve prevedere spese minime per euro 80.000,00 euro.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, concesso con un’intensità di aiuto pari al 50% della spesa complessiva ammissibile del progetto, fino ad un massimo di 250.000 euro.

L’agevolazione viene erogata in massimo 2 (due) soluzioni:

  • prima tranche a titolo di anticipo, fino ad un massimo del 40% dell’agevolazione (subordinatamente al rilascio di idonea garanzia fidejussoria di pari importo), qualora richiesto in fase di accettazione dell’agevolazione medesima;
  • tranche a saldo, a conclusione del progetto, previa verifica della relazione finale sull’esito del progetto e della rendicontazione finale delle spese ammesse.

Le domande possono essere presentate a partire dal 05 luglio 2021 sino al 31 dicembre 2021.

Siamo una rete multidisciplinare: CONTATTACI

Visita il sito di MB Consulting Soggetto Capofila della Rete di Imprese RETiQA.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
L’analisi di fattibilità è gratuita! Compila il forum qui sotto e verrai ricontattato al più presto dallo Staff RETiQA.