(Legge di Bilancio) Ricerca & Sviluppo & Agricoltura

Legge Bilancio 2021 (L. 178(2020): credito d’imposta Ricerca e sviluppo anche per le IMPRESE AGRICOLE INDIVIDUALI e le SOCIETA’ SEMPLICI

(Legge di Bilancio) Ricerca & Industria 4.0

I crediti di imposta maturati nel 2020 per l’acquisto di beni strumentali nuovi e per le attività di ricerca e sviluppo e innovazione, previsti dalla Legge di Bilancio 160/2019, possono essere compensati a partire con F24 di gennaio, senza aspettare la dichiarazione dei redditi, ma sono necessari i CODICI TRIBUTO che devono essere ancora comunicati dall’Agenzia delle Entrate.

Ricerca e sviluppo: come gestire gli interpelli su questioni tecniche di altre Amministrazioni

Gestione di interpelli e istanze di competenza di altre Amministrazioni.

Transizione 4.0: INCENTIVI Legge di Bilancio 2021

Trapela la volontà da parte del Governo di incrementare gli incentivi previsti dal piano di Transizione 4.0

Legge di Bilancio 2021 L.178 del 30/12/2020 pubblicata in Gazzetta Ufficiale

Trapela la volontà da parte del Governo di incrementare gli incentivi previsti dal piano di Transizione 4.0

CONTRIBUTI PSR E CREDITO D’IMPOSTA IN BENI STRUMENTALI NUOVI

La Direzione generale dell’agricoltura della Commissione Ue ha precisato che il credito di imposta del 40% del costo di beni strumentali nuovi interconnessi con sistema operativo aziendale non è compatibile con altri contributi pubblici come, ad esempio, quelli derivanti dal programma del piano di sviluppo rurale (Psr).

Credito d’imposta bonus pubblicità: prorogato per gli anni 2021 e 2022

Bonus pubblicità al 50% con alcune nuove regole.

Credito d’imposta Formazione 4.0: le novità presenti nell’ipotesi della Legge di Bilancio 2021

Credito d’imposta Formazione 4.0: le novità presenti nell’ipotesi della Legge di Bilancio 2021

Ampliate le spese e prorogata la scadenza

Il Ddl di bilancio 2021 estende al 2022 il credito d’imposta formazione 4.0 e prevede anche un ampliamento dei costi agevolabili, in linea con le disposizioni del Regolamento UE 651/2014.

Ad oggi, il credito si applica alle spese di formazione sostenute 2020 ossia nel periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019. Il credito d’imposta è riconosciuto in percentuale delle spese relative al personale dipendente impegnato nelle attività di formazione 4.0 ammissibili, limitatamente al costo aziendale riferito alle ore o alle giornate di formazione, in misura del:

  • 50% delle spese ammissibili e nel limite massimo annuale di credito di €. 300.000 per le piccole imprese;
  • 40% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di credito di €. 250.000 per le medie imprese;
  • 30% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di credito di €. 250.000 le grandi imprese.

Le principali novità contenute nell’attuale bozza della Legge di bilancio 2021 sono le seguenti:

  • Misura estesa fino al 2022
  • Ampliati i costi ammissibili in conformità al regolamento (UE) n. 651/2014. Infatti, tale regolamento dichiara alcune categorie di aiuti di stato compatibili con il mercato interno. In applicazione degli arti­coli 107 e 108 del trattato U.E. Nel complesso, sono ammessi all’agevolazione i seguenti costi:
  1. le spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
  2. i costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione. Sono escluse le spese di alloggio, ad eccezione delle spese di alloggio minime necessarie per i partecipanti che sono lavoratori con disabilità;
  3. i costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  4. le spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

Secondo la disciplina vigente, invece, le spese ammissibili sono quelle relative al costo aziendale del personale dipendente impegnato come discente nelle attività di formazione ammissibili riferito alle ore o alle giornate di formazione e le eventuali spese relative al personale dipendente che partecipa in veste di docente o tutor alle attività di formazione ammissibili, nel limite del 30% della retribuzione complessiva annua spettante al dipendente.

Da un’analisi della Legge di Bilancio emerge che per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, l’ampliamento dei costi agevolabili sia efficace già dal 2020 (viene fatto riferimento al “periodo in corso al 31 dicembre 2020”)

Restano confermate le aliquote e gli adempimenti da rispettare.

Siamo una rete multidisciplinare: CONTATTACI

Visita il sito di MB Consulting Soggetto Capofila della Rete di Imprese RETiQA.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
L’analisi di fattibilità è gratuita! Compila il forum qui sotto e verrai ricontattato al più presto dallo Staff RETiQA.

Industria 4.0, bonus potenziati in Legge di Bilancio 2021

All’interno del documento di programmazione della legge di bilancio 2021 si segnala il potenziamento dei crediti d’imposta e dei limiti attuativi in ottica industria 4.0

Credito di imposta al SUD

In caso di investimento effettuato parzialmente dovrà essere presentata una comunicazione rettificativa della precedente, indicando gli investimenti realmente effettuati, e comunicando la modifica del piano di investimento.