Credito di imposta adeguamento ambienti di lavoro (art. 120 DL Rilancio)

Credito di imposta adeguamento ambienti di lavoro (art. 120 DL Rilancio)

Pubblicato il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

Sono disponibili, in un provvedimento firmato il 10 luglio 2020 dal Direttore dell’Agenzia delle entrate i modelli e le istruzioni per usufruire del credito d’imposta introdotto dal Dl Rilancio per l’adeguamento degli ambienti di lavoro.

Pubblicata sul sito delle entrate anche la Circolare 20/E – pdf con la quale l’Agenzia fornisce i primi chiarimenti interpretativi e gli indirizzi operativi.

Il credito d’imposta spetta in misura pari al 60% delle spese sostenute nel 2020 in relazione agli interventi necessari per adeguare i processi produttivi e gli ambienti di lavoro al fine di far rispettare le prescrizioni sanitarie e le misure di contenimento contro la diffusione del virus COVID- 19, fino ad un massimo di spese di 80 mila euro per ciascun beneficiario.

Il credito d’imposta massimo richiedibile è pari a euro 48 mila euro.

Il credito adeguamento spetta ai soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni in luoghi aperti al pubblico (determinati alcuni codici ATECO 2007), alle associazioni, alle fondazioni e agli altri enti privati, compresi gli enti del Terzo settore.

Le istanze possono essere presentate attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate dal 20/07/2020 sino al 30/11/2021.

Tra le spese ammissibili rientrano gli investimenti necessari volti a favorire le attività di Smart Working.
Per saperne di più visita il nostro articolo in merito: Credito di imposta adeguamento posti di lavoro: ammesse spese per Smart Working.

Siamo una rete multidisciplinare: CONTATTACI

Visita il sito di MB Consulting Soggetto Capofila della Rete di Imprese RETiQA.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
L’analisi di fattibilità è gratuita! Compila il forum qui sotto e verrai ricontattato al più presto dallo Staff RETiQA.