Come cambia il credito d’imposta tra il 2021 e il 2022 per investimenti in Beni strumentali

Come cambia il credito d’imposta tra il 2021 e il 2022 per investimenti in Beni strumentali

Quale è la differenza per un investimento riguardante l'acquisto di un bene strumentale nuovo effettuato il 2021 piuttosto che 2022, in termini di aliquote fiscali e condizioni riconosciute e come fare a mantenere le condizioni agevolative del 2021
Imprese e professionisti hanno poco più di un mese per bloccare le condizioni in vigore per il credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali.
Il disegno di legge di Bilancio 2022 interviene sulle aliquote del credito d’imposta ma non interviene sulle disposizioni della manovra del 2021.
Effettuare l’investimento nel 2021 piuttosto che nel 2022 potrà avere ripercussioni notevoli in termini di recupero del credito d’imposta.
In particolare:
  • Per i BENI MATERIALI 4.0, per i nuovi investimenti effettuati dal 1° gennaio 2022 il credito d’imposta scenderà dal 50% al 40% per lo scaglione fino a 2,5 milioni, dal 30% al 20% per quello tra 2,5 e 10 milioni, mentre rimarrà al 10% per l’ultimo scaglione tra 10 e 20 milioni.
  • Per i BENI MATERIALI E IMMATERIALI TRADIZIONALI NON 4.0 i nuovi investimenti effettuati dal 1° gennaio 2022 passeranno da un credito d’imposta del 10% o del 15%  – qualora gli investimenti siano destinati all’organizzazione di forme di lavoro agile – ad un credito d’imposta del 6% del costo.
  • Nessuna modifica prevista invece per il credito d’imposta per i BENI IMMATERIALI 4.0: Il disegno di legge di Bilancio 2022 conferma la percentuale agevolativa del 20% anche per gli investimenti effettuati fino al 31 dicembre 2023
Per i beni tradizionali non 4.0  non sarà più possibile utilizzare la facoltà del credito d’imposta in un’unica quota per tutti gli investimenti dal primo gennaio 2022.
Come fare per bloccare le misure più convenienti del credito d’imposta del 2021?
Due le possibili soluzioni:
  1. prima soluzione: effettuare gli investimenti entro il 31 dicembre 2021
  2. seconda soluzione: entro il 31 dicembre 2021, si dovrà ottenere l’accettazione dell’ordine dal venditore e pagare acconti per almeno il 20% del costo: in tal caso, l’investimento potrà essere terminato entro il 30 giugno 2022.

Siamo una rete multidisciplinare: CONTATTACI

Visita il sito di MB Consulting Soggetto Capofila della Rete di Imprese RETiQA.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
L’analisi di fattibilità è gratuita! Compila il forum qui sotto e verrai ricontattato al più presto dallo Staff RETiQA.